TEST E INTERPRETAZIONE DEL SUOLO PER I TAPPETI ERBOSI DELLA FLORIDA

Pubblicato il 1 dicembre 2023 20:43

SL 181/SS317: Soil Testing and Interpretation for Florida Turfgrasses (ufl.edu)

 

T. W. Shaddox e J.B. Sartain

La maggior parte delle persone concorda sul fatto che un tappeto erboso sano e ben curato sia una cosa di bellezza. Tuttavia, molte di queste stesse persone pensano che un bel tappeto erboso richieda molti problemi, duro lavoro e possibili competenze che non possiedono. Questo non è necessariamente vero, ma alcuni fatti di base riguardanti le esigenze nutrizionali dei tappeti erbosi e le proprietà dei fertilizzanti e dei calcinali sono essenziali per la coltivazione di tappeti erbosi sani. In condizioni normali, l'acqua, la luce e la temperatura hanno maggiori influenze sulla crescita e sulla qualità del tappeto erboso rispetto a quasi tutte le altre variabili. Tuttavia, quando l'acqua, la luce e la temperatura sono a livelli ottimali e il tappeto erboso rimane inaccettabile, la causa possono essere carenze nutrizionali. Pertanto, è essenziale capire come l'analisi del suolo può essere utilizzata per gestire in modo più efficiente le applicazioni di nutrienti.

ANALISI E INTERPRETAZIONE DEL SUOLO

L'analisi del suolo comporta la raccolta di campioni, l'analisi, l'interpretazione e le raccomandazioni. La raccolta del campione è il primo passo dell'analisi del suolo. Il test del suolo e le raccomandazioni risultanti rappresentano lo stato dei nutrienti del suolo solo quanto il campione. Pertanto, è imperativo che il campione di terreno venga prelevato e maneggiato correttamente. I campioni di terreno devono essere prelevati dalla profondità del suolo in cui si trova la maggior parte delle radici del tappeto erboso, che normalmente sono i primi quattro pollici del terreno. I campioni di terreno possono essere prelevati utilizzando una sonda del suolo tradizionale, una vanga da giardino o una pala. Da dieci a quindici campioni dovrebbero essere prelevati in modo casuale dall'area interessata. Non mescolare il terreno proveniente da aree erbose sane con terreno proveniente da aree erbose malsane perché ciò ridurrà la capacità di diagnosticare il problema. I 10-15 campioni devono essere mescolati e una porzione da mezzo litro posta in un sacchetto per campioni di terreno e spedita a qualsiasi laboratorio di analisi del suolo. I sacchi per campioni di suolo possono essere acquistati presso il laboratorio di analisi del suolo (ESTL) UF/IFAS all'https://soilslab.ifas.ufl.edu/. L'UF/IFAS ESTL esegue anche test del suolo a pagamento.

La seconda fase dell'analisi del suolo è l'estrazione. Lo scopo dell'estrattore è quello di determinare la quantità di un elemento che sia rappresentativo di ciò che sarà disponibile per l'assorbimento da parte delle piante durante quella stagione di crescita. Dopo l'estrazione, la soluzione estratta dal terreno viene immessa in uno strumento che rileva le concentrazioni degli elementi.

La terza fase dell'analisi del suolo è l'interpretazione dei dati. Le concentrazioni di nutrienti vengono interpretate confrontando la concentrazione di nutrienti con le curve di risposta ai nutrienti note per il terreno e il tappeto erboso di interesse. Sfortunatamente per i tappeti erbosi della Florida, non esistono curve di calibrazione della risposta ai nutrienti per fosforo (P), potassio (K), calcio (Ca), magnesio (Mg), zolfo (S) e tutti i micronutrienti. Fino a quando non vengono determinate le curve di calibrazione, l'uso di test del suolo per gestire l'applicazione di nutrienti ai tappeti erbosi (diversi dal pH o dalla salinità) è discutibile (Kreuser, 2015). Tuttavia, i valori critici del suolo sono stati determinati per P e Mg e sono rispettivamente di 10 e 20 ppm (Liu et al. 2008; Sartain 1993). I valori critici del test del suolo forniscono solo un singolo valore al di sopra del quale non ci si aspetterebbe alcuna risposta della pianta, ma non forniscono alcuna probabilità di risposta quando i risultati del test del suolo sono inferiori al valore critico.

Il passaggio finale consiste nel fornire una raccomandazione basata sull'interpretazione. Come accennato in precedenza, poiché non esistono curve di calibrazione per ogni tappeto erboso della Florida e per ogni tipo di suolo, l'uso di test del suolo per gestire i nutrienti applicati ai tappeti erbosi della Florida è di scarso valore. Tuttavia, i valori critici del test del suolo per P e Mg possono essere utilizzati per raccomandare di non applicare P o Mg quando i valori del test del suolo superano rispettivamente 10 e 20 ppm.

ACIDITÀ DEL SUOLO

Quindi, se l'analisi del suolo ha un valore limitato per la gestione delle applicazioni di fertilizzanti per tappeti erbosi, perché dovresti testare il terreno? Semplicemente, perché il pH e la salinità sono di grande valore e sono componenti basati sull'evidenza della maggior parte dei test del suolo. La reazione del suolo, o pH, è importante perché influenza diversi fattori del suolo che influenzano la crescita delle piante. I batteri del suolo che trasformano e rilasciano N dalla materia organica funzionano meglio nell'intervallo di pH compreso tra 5,5 e 7,0; Alcuni materiali fertilizzanti forniscono anche sostanze nutritive in modo più efficiente in questo intervallo.

I nutrienti delle piante, in particolare P, K, Ca, Mg, boro, rame, ferro, manganese e zinco, sono generalmente più disponibili per le piante nell'intervallo di pH compreso tra 5,5 e 6,5 (McBride 1994). Alcuni di questi nutrienti per le piante sono più disponibili per le piante a valori di pH inferiori a 5,0 rispetto a terreni con pH compreso tra 5,0 e 7,5. In alcuni terreni, quando il pH del suolo scende al di sotto di 5,0, l'alluminio può diventare tossico per la crescita delle piante.

I tappeti erbosi si differenziano per la loro adattabilità all'acidità del suolo. Ad esempio, il millepiedi e il bahiagrass crescono meglio in un ambiente acido (pH da 5,0 a 6,0) rispetto a St. Augustinegrass o zoysiagrass, che crescono meglio in terreni quasi neutri o alcalini (pH da 6,5 a 7,5) (Figura 1).

Figura 1. Intervalli di pH del suolo per i tappeti erbosi della Florida.

REGOLAZIONE DELLA REAZIONE DEL SUOLO (PH)

Normalmente, i calcinali vengono utilizzati per aumentare il pH del suolo e fornire i nutrienti essenziali Ca e Mg. I due calcinali più comunemente disponibili sono la calce calcica e la calce dolomitica (Tabella 1). Generalmente, è necessario un tempo di reazione di circa 6 mesi affinché la calce calcica e dolomitica abbia il suo massimo effetto sull'acidità del suolo. Se si desiderano risultati più immediati, si può utilizzare la calce idrata; Tuttavia, la calce idrata non è consigliata per l'uso da parte di non professionisti perché questo materiale può danneggiare gravemente il tappeto erboso se utilizzato in modo improprio. Le raccomandazioni sulla calce sono in genere fatte su una base di calcare calcico. Se si utilizza un altro calcinaio, regolare la dose di applicazione in base agli equivalenti di carbonato di calcio (Tabella 1).

Il fabbisogno di calcare del suolo non può essere determinato solo dal pH del suolo. Le raccomandazioni per la calcinazione si basano sul test del fabbisogno di calce Adam-Evans, che è incluso nell'analisi di routine del suolo e viene riportato se il pH del suolo è pari o inferiore a 6,0. La quantità di calce consigliata si basa sul tipo di tappeto erboso coltivato, sul pH target desiderato e dipende fortemente dal tipo di terreno. Maggiore è la quantità di materia organica o di argilla del terreno e più basso è il pH, maggiore è la quantità di calce necessaria per aumentare il pH del suolo al livello desiderato.

ALCALINITÀ DEL SUOLO

Se un terreno è troppo alcalino (ha un pH superiore a 7,5), è necessario determinare se l'eccesso di alcalinità è dovuto a una caratteristica intrinseca del suolo o a una precedente eccessiva applicazione di calcinaio. I terreni con un pH superiore a 8,3 non sono alcalini a causa della presenza di materiali carbonato di calcio perché il carbonato di calcio ha un pH di equilibrio di 8,3 in acqua. Pertanto, un pH del suolo eccessivamente elevato è molto probabilmente dovuto alla presenza di livelli elevati di sodio (Na). È difficile e antieconomico modificare il pH dei terreni alcalini presenti in natura, come quelli che si trovano nelle zone costiere o riempire il terreno contenente marna, conchiglia o calcare. D'altra parte, se un pH elevato è dovuto all'applicazione di calce o altri additivi alcalini, i materiali acidificanti come lo zolfo e il solfato di ammonio (Tabella 2) possono ridurre efficacemente il pH del suolo se applicati alla velocità e alla frequenza corrette.

La polvere granulare, superfine o lo zolfo bagnabile possono essere utilizzati per ridurre il pH del suolo. Lo zolfo granulare è preferito nei sistemi di produzione di tappeti erbosi per la facilità di applicazione (con spandiconcime a ciclone) e la ridotta possibilità di bruciatura fogliare dai granuli. Innaffiare accuratamente lo zolfo dopo l'applicazione, avendo cura di lavare via tutte le parti del tappeto erboso fuori terra. Ci vuole circa 1/3 della quantità di zolfo per diminuire l'unità di pH 1 del suolo come fa la calce calcica per aumentare l'unità di pH 1 del suolo. Non applicare più di 10 libbre di zolfo per 1000 piedi quadrati per applicazione. Ulteriori applicazioni di zolfo non devono essere effettuate più di una volta ogni 30 giorni. A seconda della quantità di calce in eccesso nel terreno, possono essere necessarie diverse applicazioni di zolfo per abbassare il pH del terreno al livello desiderato. Tuttavia, come affermato in precedenza, se il terreno ha un pH intrinsecamente elevato a causa della presenza naturale di calce nel terreno, il pH non può essere ridotto per un lungo periodo di tempo e si riprenderà gradualmente. Se il terreno ha un contenuto di carbonato di calcio naturalmente elevato, sarebbe più pratico e molto più facile passare a un tipo di tappeto erboso che tolleri un pH elevato del suolo e non tenti di ridurre il pH del suolo utilizzando un materiale contenente zolfo. Lo zolfo si ossida nel terreno e reagisce con l'acqua per formare un acido forte (acido solforico) che può danneggiare gravemente le radici delle piante, quindi deve essere usato con cautela.

SALINITÀ DEL SUOLO

A livelli sufficientemente alti, i sali del suolo impoveriscono l'umidità del tappeto erboso e possono causare stress e inaccettabili per il tappeto erboso. I sintomi dello stress da salinità nei tappeti erbosi assomigliano molto a quelli della siccità. I sali vengono introdotti nei terreni dei tappeti erbosi attraverso molti canali, tra cui, ma non solo, l'acqua di irrigazione, l'acqua di scarico, gli spruzzi oceanici, l'intrusione di acqua salata e i fertilizzanti (Carrow et al., 1999). I terreni possono richiedere una bonifica se il livello di sale del suolo supera la tolleranza del tappeto erboso coltivato (Tabella 3).

Il metodo più efficace per ridurre i sali del suolo è quello di affidarsi alle piogge naturali e/o all'irrigazione a bassa salinità. Se non è disponibile acqua pulita, irrigare in profondità con l'acqua esistente per lisciviare i sali rimasti nella zona radicale dai cicli di irrigazione precedenti. Nonostante le affermazioni, il gesso (CaSO4) non rimuove i sali e fa poco per aumentare la percolazione nei terreni sabbiosi della Florida. Il gesso è un sale e, pertanto, l'applicazione del gesso aumenta la salinità. Tuttavia, il gesso può rimediare a problemi legati al Na, come la scarsa percolazione derivante da terreni deflocculati. I suoli della Florida sono prevalentemente sabbiosi, che hanno una capacità molto scarsa di trattenere il Na e, quindi, i problemi del suolo legati al Na sono rari. Tuttavia, il gesso ha l'ulteriore vantaggio di ridurre i bicarbonati e i carbonati (Figura 2), che possono essere tossici per molti tappeti erbosi (Carrow et al. 2001).

Figura 2. Bicarbonato (2NaHCO3) e carbonato (Na2HCO3) riduzioni a seguito di gesso (CaSO4) dell'applicazione.

Nei luoghi in cui Na e/o bicarbonati vengono continuamente aggiunti al sistema tappeto erboso/suolo, la bonifica può richiedere applicazioni regolari di gesso per diversi anni, in alcuni casi. Sul tappeto erboso stabilito, i tassi di applicazione del gesso vanno da 200 a 500 libbre per acro. Se il tuo normale fertilizzante contiene riempitivo, il tuo distributore di fertilizzante dovrebbe essere in grado di sostituire lo stucco con gesso. In questo modo, le applicazioni di gesso sarebbero quindi una parte regolare delle applicazioni di nutrienti con un aumento apprezzabile dei costi minimo. Questo metodo può essere meno costoso delle sole applicazioni in gesso, ma richiederà più tempo per ottenere lo stesso effetto di bonifica.

SOMMARIO

I terreni devono essere regolarmente testati per verificare i livelli di pH e salinità. In molti casi, i problemi del tappeto erboso possono essere risolti regolando il pH nell'intervallo 5,0-6,5. I livelli di salinità devono essere confrontati con il livello di tolleranza del tappeto erboso coltivato. Se diagnosticati come un problema, i bicarbonati e i carbonati possono essere ridotti applicando il gesso. La risposta del tappeto erboso ai fertilizzanti P e Mg è improbabile quando i valori del test del suolo Mehlich III superano rispettivamente 10 e 20 ppm.

REFERENZE

Carrow, R.N. e R.R. Duncan. 1998. Siti di tappeti erbosi colpiti dal sale: valutazione e gestione. Chelsea, Mich: Pressa di Ann Arbor.

Carrow, R.N., R.R. Duncan e M. Huck. 1999. "Trattare la causa, non i sintomi: trattamento dell'acqua di irrigazione per una migliore infiltrazione". Record della sezione verde USGA. 37: 11–15.

Carrow, R.N., D.V. Waddington e P.E. Rieke. 2001. Fertilità del suolo del tappeto erboso e problemi chimici: valutazione e gestione. Pressa di Ann Arbor, Chelsea, Michigan.

Kreuser, W.C. 2015. "Semplificare l'interpretazione dei test del suolo per i professionisti del tappeto erboso". G2265: http://turf.unl.edu/NebGuides/g2265.pdf (consultato il 3 marzo 2017).

Liu, M., J.B. Sartain, L.E. Trenholm e G.L. Miller. 2008. "Fabbisogno di fosforo dell'erba di Sant'Agostino coltivata in terreni sabbiosi". Crop Sci. 48: 1178-1186. DOI:10.2135/cropsci2007.09.0506.

McBride, M.B. 1994. Chimica ambientale dei suoli. New York: Pressa dell'università di Oxford.

Sartain, J.B. 1993. "Interrelazioni tra tappeti erbosi, riciclo dello sfalcio, paglia e calcio, magnesio e potassio applicati". Agron. J. 85: 40–43.

Valutazione: 5 stelle
1 voto

Aggiungi commento

Commenti

Non ci sono ancora commenti.